domenica 16 aprile 2017

Domenica di Pasqua nella Risurrezione del Signore

 Discesa agli Inferi

 ICONA DISCESA NEGLI INFERI


Con la Sua morte, Gesù apre a tutti  le porte del regno

 e scende agli Inferi a liberare quelli  che morti prima della Sua Incarnazione, Morte e Resurrezione, come Adamo ed Eva, 
Discesa Inferi
attendevano la salvezza.
Perciò è propriamente  questa l’icona  della  Resurrezione,  piuttosto che  quelle  delle  apparizioni  del Cristo Risorto .

“Ascendendo in cielo ha portato con sé prigionieri,
ha distribuito doni agli uomini.
 Ma che significa la parola «ascese», se non che prima era disceso quaggiù sulla terra?  Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di sopra di tutti i cieli, per riempire tutte le cose”.
(Ef 4,8-10)

Cristo si china verso gli uomini ed il suo abbassamento è sottolineato dallo svolazzare del mantello .
Egli tiene in mano la croce ,strumento della Salvezza .Le porte degli Inferi sono divelte, chiavistelli e catene fracassati. 
La cavità nera  ricorda la grotta della Natività , l’immagine di Giona nel ventre del pesce e la tomba di Adamo del Calvario.
Ai lati di Cristo: a sinistra Adamo, Davide, Salomone, il profeta Daniele e Giovanni Battista; 
a  destra Eva, Mosè con le tavole della legge, Abele ed  altri giusti.



Le montagne  sembrano inchinarsi  esprimendo il fremito dell’universo di fronte a questo grande Mistero.
DISCESA AGLI INFERI


( Liturgia bizantina, Tropario di Pasqua)


Nessun commento:

Posta un commento